Connect with us

Altri sport

Al ruandese Ntawuyirushintege il 25esimo trofeo podistico Città di Ravanusa

Nessuna sorpresa e tutto secondo copione. A vincere, la 25° edizione del Trofeo ACSI Città di Ravanusa di podismo è il ruandese, tesserato per la Loverun Athletic Terni Pontien Ntawuyirushintege. L’atleta africano bissa così il successo ottenuto appena qualche giorno fa a ‘La Normanna’ e timbra l’ennesimo prestigioso podio dopo quello, tra gli altri, ottenuto lo scorso giugno alla mezza maratona di Roma. Due i secondi che lo hanno diviso dal compagno di società, il keniano Sammy Kipngetic, sempre in gara; terzo e primo degli italiani Giuseppe Gerratana (Aeronautica Militare) che sul finale di gara ha avuto la meglio sull’atleta del Cus Ala Zoghlami, giunto direttamente da Londra dove ha preso parte ai mondiali, correndo un ottimo 3000 siepi. Scorrendo la classifica finale spicca il quinto posto del sempre-verde Bibi Hamad (Universitas Palermo) il sesto del brillante Mohamed Idrissi (Mega Hobby Sport) ed il settimo di Giovanni Cavallo protagonista di una prova generosa.

La gara: otto giri, per un totale di poco meno di otto chilometri, percorso veloce ma ricco di cambi di direzione, con un pubblico pressante, presente, soprattutto nella zona arrivo e in piazza Crispi. Al via, si scatenano i due atleti africani che impongono subito un ritmo forsennato sorprendendo Gerratana e Zoghlami che stentano a credere ai loro occhi. I due azzurri abbozzano un tentativo di rimonta che tale resta. Il ruandese e il keniano non regalano nulla allo spettacolo preferendo la sostanza e spingono metro dopo metro, in un accordo tacito di giocarsi il successo nel giro finale. E lo sprint è degno di una finale di un 400 in pista con Ntawuyirushintege che ancora una volta (era già accaduto a Mileto n.d.r.) regola il compagno di squadra Kipngetic. Gradino più basso del podio per il modicano Gerratana che sul finale di gara ha la meglio sul cussino Ala Zoghlami. Via via tutti gli altri (i finisher sono 22) con Hamad, Idrissi, Cavallo e il giovane Mazara nelle posizioni di rincalzo.

Advertisement
Advertisement